Sindrome da accoglienza



Aeroporto di Venezia, ore undici della sera. Dopo una settimana di assenza, il gaglioffo sta per varcare la soglia del terminal Arrivi.
Mpc, in preda a un attacco di  affettività incontrollabile, fatica a tenere a bada le emozioni: impedire a se stessa di correre incontro al cucciolo e fargli mille coccole è un’impresa titanica.
“Vale…” mi richiama la voce di Jurassico,battendomi leggermente su una spalla: “Guarda chi arriva!”
Smetto di fissare con bramosia il cucciolo di cane lupo che ha polarizzato la mia attenzione e mi volto. La belva sta arrivando, trascinandosi dietro la sua valigia. 
So per certo che al suo interno ha celato due chili di pizzette: uno stuzzichino per il viaggio, riferisce Daniela, ancora sconvolta per le quantità di cibo che quei due riescono a ingurgitare, quando sono assieme.
“Bella, ma’! Bella, ‘pa’!” ci saluta il nostro, dinoccolato e disinvolto.
L’individuo si è romanizzato. E suo malgrado è tornato.
Ehhhh, già. Le vacanze sono finite. Le mie, non le sue!
Inizia un altro, lunghissimo anno insieme…

Commenti

Post popolari in questo blog

La Karly mi fa piangere!

Una famiglia tradizionale (???)

Una vita che non posto: 8 marzo