mercoledì 13 maggio 2015

Viaggi d'istruzione

Ad Arquà Petrarca, con tutta la sua classe e l'omologa dell'altra sezione. 
Il gaglioffo dopo meno di un quarto d'ora viene fatto uscire con il suo gruppo, per far posto al successivo.
Visita lampo, manco il tempo di vedere le testimonianze storiche ivi conservate. Il ragazzo (appassionato di storia) era furioso. 
Da ricordare il seguito del viaggio d'istruzione, a Este, con una degli insegnanti accompagnatori che fermava i passanti per sapere dove fosse un monumento visitabile...
È stata visitata una celebre paninoteca locale, dove sono stati osservati da vicino piadina e spritz. Un'esperienza interattiva.
Mio figlio voleva morire. 
Tu li cresci come turisti perfetti, a due anni a Cerveteri e Morgantina, a sei la Villa del Casale, a nove le necropoli vichinghe e il castello di Amleto... 
Poi arriva la scuola superiore, e te li guasta così. Con i viaggi di distruzione di massa. 
Vergogna!