martedì 1 ottobre 2013

Le valige nell'ingresso, parte seconda



Ce l’ho fatta. Ci sono riuscita a non mettermi in ridicolo un’altra volta. Forse mi sto abituando, oppure mi aggrappo all’idea che Natale – con le relative vacanze – arriverà presto, forse sto diventando grande anch’io…
Ma forse no.
Forse, la verità vera è che un’auto in tripla e un traffico indemoniato annullano qualsiasi ciglio tremulo. Persino quello di una chioccia impenitente come me. Raggiunto lo studente fuori stanza in stazione (dove era arrivato a cavallo della mia gloriosa Wilier, catorcio ormai trentacinquenne, perfetto per gli spostamenti in una città universitaria), gli ho consegnato la valigia al volo, l’ho abbracciato rapida come una scimmietta e sono fuggita di corsa. Lui, di contro, si è dovuto arrangiare a prendere un treno con una bici sfasciata in una mano e un trolley di discrete dimensioni nell'altra. Quel ragazzo deve avere un angelo custode di una certa efficienza, perché mi risulta sia arrivato a destinazione sano e salvo.
La seconda puntata di questa storia si concluderà però in serata, all’ora di cena.
Quando Jurassico arriva a casa, trovando la tavola apparecchiata per quattro, diventa scuro come un temporale in montagna. Mangia silenzioso  e imbronciato, finché non lo interrogo: “E allora? Si può sapere che ti prende, che mi sembri un funerale?”
“Insomma! Sto pensando a quel povero ragazzo, che mangia tutto solo…”
“Guarda che non abita da solo. E poi te lo ha chiesto lui di prendergli una stanza, mica l’abbiamo scacciato noi! Suo fratello mangia solo da un mese, mi risulta. E l’ho visto in piena salute e di ottimo umore, ieri sera.”
“Quello sta a casa sua. Certo che sta benone!” chiosa lui, lapidario. Quindi si allontana con passo da plantigrado, immergendosi in un programma di motori o che so io. Più cupo che mai.
Presa da sconforto, scambio un paio di Whatsapp con il transfuga, chiedendogli se gli posso telefonare. Solo dopo che mi ha sentito informarmi nel dettaglio circa: sistemazione, spesa, cena, spazi e umore, senza ricevere alcuna ferale notizia, l’uomo si rasserena.
Gli passo il figlioletto perché lo possa salutare, ottenendo finalmente una schiarita della tempesta sulla sua faccia.
E dopo saremmo noi mamme cariche di sensi di colpa, iperprotettive e incapaci di tranciare il cordone ombelicale. Tzé.