mercoledì 8 febbraio 2012

Affrontare i docenti

Ragazzi, a volte è davvero difficile.
Consiglio caldamente di non prendere appassionatamente la difesa dei nostri pargoli: riusciremmo solo a indispettire il prof di turno.
Lasciamo che costui ci parli: potremmo scoprire cose insospettabili, riguardo alle giovani serpi che nutriamo in seno.
Ascoltate le rimostranze, registrate le osservazioni e archiviato le lamentele, provvediamo a un processo di decantazione: tornare a casa armati di accetta non è un buon approccio. Non lo è nemmeno cercare di colpire l’insegnante con un estintore, peraltro: mantenere un aplomb inglese è la scelta migliore. Sempre.
Dopo un paio di camomille, si può affrontare l’argomento con il figlio che abbiamo sotto i ferri: talvolta, anche le loro ragioni hanno un loro perché.
Se ci sono forti discrepanze fra quello che dice l’insegnante e vostro figlio, fatevi fotocopiare i compiti: carta canta.
Per esempio, oggi il gaglioffo mi ha detto che nell’ultimo compito la prof ha segnato come errore forme come “macchina” per automobile, “inchiodare” invece di frenare bruscamente, e che in generale l’ironia con cui il giovanotto ha svolto il tema (titolo: “Descrivi l’uscita da scuola”)  non è stata per nulla apprezzata.
L’istinto primario è stato di ruggire come un leone: per una volta che il ragazzo mi fa un tema decente, mannaggia…
Però questa è la SUA  versione. Se mi fanno leggere il compito, sarò in grado di capire se i problemi li ha effettivamente mio figlio (cosa assai probabile) o la prof (ne ho avuta una così anch’io…).
In ogni caso, ai miei figli insegno sempre la stessa cosa: non intraprendete battaglie contro i mulini a vento. Cercate di capire cosa vogliono gli insegnanti, e fate come dicono loro: il comando lo detengono i prof. Agli alunni non rimane che adattarsi, o soccombere.
Nei casi più estremi, ho cambiato i figli d’istituto. A volte, non c’è storia: e la fuga è l’unica strategia praticabile.
Se poi risulta che i pargoletti sono degli scioperati nullafacenti (ne so qualcosa, ahimè…) vanno sanzionati senza nessuna pietà. Sennò, ci penserà poi la vita a bastonarli.