sabato 18 giugno 2011

Giornate un po' così

Certe giornate te le aspetti in un modo, ma quelle evolvono in direzioni opposte.
A volte i figli ti sorprendono, a volte sei in pena per loro, a volte li vorresti aiutare, ma non sai davvero come fare.
A volte ci sono così tanti sentimenti che si aggirano arruffati nel tuo cuore, da farti temere di restare impigliata in quel groviglio, senza riuscire a trovare una via d’uscita.
A volte vorresti scappare lontano, dimenticandoti di te stessa e di loro, per ripigliarti un pochino prima di tornare in trincea.
Poi ti torna a casa un gaglioffo, apparentemente più alto del suo metroesettantasette, e ti annuncia, orgoglioso, un risultato strepitoso in Inglese.
Dopo tanti default, finalmente un plateau: che iniezione di fiducia, ragazzi! Per lui e per l’aggrovigliata, a cascata.
Nel pomeriggio ne arriva un altro, che ha sostenuto l’ennesimo esame, e pare l’abbia superato. Altra bella dipanata alla matassa cardiaca.
All’ora di cena, arrivano i nonni: oggi la nonna compie gli anni. Facciamo festa, a Casa per Caso.
Solo loro, solo noi. Ma riempiamo un tavolone lo stesso: quei quattro hanno un volume d’ingombro di tutto rispetto, oramai. Anche se la qui presente cretina è perseguitata da ricordi ricorrenti: me li rivedo, in formato tascabile, a rincorrersi schiamazzando, proprio qui intorno. E non mi capacito di avere quattro figli king-size.  
Loro chiassano, ridono, si prendono in giro, ricordano episodi lontani nel tempo, legati alla presenza dei nonni. I nonni, davanti a cotanta discendenza, se la godono a guardarli e ascoltarli, mentre io e Jurassico ci scambiamo taciti brindisi da un capo all’altro del tavolo.
Giunge il momento della torta, e la Miss mi osserva arrivare, armata di candeline.
“Mamma, non ci stanno mica settantasette candeline, su quella torta! E poi non le abbiamo nemmeno…”
“Tranquilla. Ce ne mettiamo otto: una per ogni nipote. Che ne pensi, nonna: ti piace la soluzione?”
La nonna non mi risponde, ma mi lancia un’occhiata ad alto tasso zuccherino; sorridendo beata, soffia con impegno sulle sue candeline.
Buon compleanno, nonninola. Siamo una famiglia di matti, ma ti vogliamo tutti un mondo di bene.