giovedì 28 febbraio 2013

The walking dead



Così sono stata definita dal mio adorabile figliolo minore. Atterrata da un’influenza intestinale che nelle ultime quarantott’ore mi ha distrutto, riducendomi a una larva, dovevo anche sopportare i commenti in sottofondo del gaglioffo, il quale commentava al mio passaggio: “Guardala! Sexy mum… Che donna! Che fascino!”
Approfittando biecamente della mia mancanza totale di forze, l’infingardo infieriva: manco le tradizionali ciabatte, riuscivo a lanciargli.
Oggi grazie al cielo sto meglio, così mi sono restaurata e spero di disporre di energie sufficienti a risistemarlo, in caso ritenti di fare lo spiritoso alle mie spalle.
Certo che rialzarsi dal letto e trovare una situazione politica così… mi fa venire voglia di rimettermi orizzontale, a luci spente e senza connessione alcuna col mondo esterno. Quasi quasi stavo meglio quando stavo peggio.