venerdì 14 settembre 2012

Ciao


Eccomi qui ad aggiornarvi sulle ultime novità.
Fronte sanitrario: le cose iniziano ad andare benino. E per com’eravamo messi, ci possiamo concedere un grosso, grossissimo sospiro di sollievo.
Allo stato, abbiamo due nonni su due in ospedale, distanziati da un piano: il meno grave dei due (il nonno) ogni tanto emigra, trascinandosi dietro la sua piantana con tanto di flebo, per piazzarsi seduto al capezzale della mogliettina.
Tenero, le dice: “Dormi, Iside, dormi se hai sonno: a me basta guardarti in viso…”
Da farci le lacrime, con quei due piccioncini bastonati.
La nonna è reduce da un intervento, affrontato con preoccupazione dall’intera famiglia, e superato benissimo da lei: sotto analgesici, dolorante e frastornata, la nostra nonnina trova comunque la forza di sorridere, con quello sguardo dolce e sereno che scalda il cuore di tutti noi che le vogliamo bene. Ora non vediamo l’ora che si riprenda: vederla così è troppo dura...
Ecco perché non mi avete più sentita, in questi giorni: troppe preoccupazioni. Ma sono felice di dirvi che, ormai, la ripresa è iniziata.
Quanto a me, non sono diventata sorda: anzi, il mio esame audiometrico è molto positivo. E l’orecchio si è finalmente stappato. L’infiammazione permane ancora (leggera, ma c’è), motivo per cui la foca è a secco (niente piscina, per ora), costretta a nutrirsi di pasticche. Ve lo confesso: sono programmata più per distribuirle che per assumerle, quelle. Date le circostanze, tuttavia, meglio fare di necessità virtù.
Quanto al resto della famiglia, tutto ok. Domani, se ce la faccio, vi racconto le ultime novità su di loro.
Per ora, passo e chiudo: ho… il giro in ospedale!