mercoledì 28 agosto 2013

Viva e vegeta



Semplicemente inghiottita dal gorgo dei mille impegni di questo periodo incasinatissimo.
Avete presente quando hai sempre almeno tre o quattro cose da fare in contemporanea? Quando tutti (ma proprio tutti) hanno qualche vitale incombenza da affidarti, e tu non vuoi e non puoi scontentare nessuno? Quando sei felice di – quasi – tutto quello che capita a te e a quelli che ami, ma non hai manco il tempo per rallegrartene?
Ebbene, mi trovo in questa situazione.
Se mi avanza qualche mezz’ora, la trascorro con i figli o il marito, godendomi la possibilità di farlo ora, consapevole come sono che a breve inizieranno uno a uno a sparire dal mio orizzonte ravvicinato. I figli, intendo, non Jurassico: quello grazie al Cielo rimane il cardine della mia esistenza.
La mia roccia, il mio appiglio, il mio sostegno quando le acque si fanno agitate, la mia rada dove riposare dopo le tempeste.
A tal proposito, due giorni fa abbiamo festeggiato il nostro diciottesimo anniversario: qualcuno ci ha fatto notare che siamo maggiorenni.
Quello che mi ha fatto piacere è stato vedere quanto coloro che ci vogliono bene veramente gioiscano nel vederci così sereni e felici.
In un mondo nel quale l’invidia la fa da padrone, gli insospettabili sono pronti a pugnalarti alle spalle e fidarsi del prossimo è quasi una roulette russa, è una bella presa di coscienza. Una consapevolezza che ti scalda il cuore.
Un grazie sincero agli amici che hanno festeggiato con noi e un grazie anche a tutti quelli che, magari in mazzo ai guai, riescono lo stesso ad essere contenti per noi. Vi vogliamo bene!
Un abbraccio anche a tutti i miei fedelissimi, preoccupati delle mie lunghe assenze dal web. Mi auguro di riuscire a portare a termine il mio lavoro organizzativo, in modo da poter rientrare in possesso del mio tempo quanto prima. Sono piuttosto stanca anch’io di dover lavorare di lima, per potermi concedere qualche spazio per me.
Ciao a tutti, e spero a presto, con qualche dettaglio sul nostro… stato di famiglia. C’è qualche novità da raccontarvi. 

Un abbraccio e un sorriso

Mpc


giovedì 1 agosto 2013

Obiettivi raggiunti

"Finalmente!" esclama Jurassico, mentre si veste per andare al lavoro "Un altro obiettivo finalmente raggiunto!"
"Quale?" domando io, pensando a un qualche successo lavorativo. 
"Un cassetto pieno di calzini nuovi! Sono le piccole, grandi gioie della vita, questa..."
Già. Quello è capace di andare in giro con gli alluci esposti, prima di avvisarmi di avere la biancheria lisa. Per fortuna me ne sono accorta da me, provvedendo agli acquisti del caso: un monoblocco da trenta paia, così per un po' non se ne parla più.
Quanto al resto del guardaroba, ieri c'erano due camicie appese in stireria: una già stirata, l'altra in attesa di sistemazione. Lui le guarda distratto, decide che quella scura gli va meglio come tinta e la indossa senza esitazioni. Quella da stirare, ovvio. 
"Ma che fai? Vai in giro con la camicia stazzonata? Che figure mi fai fare?!"
"No, tranquilla, via... E' a posto, va benissimo così. Nessuno noterà nulla. " 
Osservo con occhio critico e devo ammettere che ha ragione. Non si vede. 
Ciononostante, ci riprovo: "Ma dai, ti prego, cambiati... Metti l'altra!" 
"Non se ne parla. Ora vado!" 
Smack. 
"Ciao splendida. Ci vediamo stasera." 
Non c'è che dire: mio marito è un uomo facile da accontentare. Una cosa che facilita non poco la mia vita di casalinga disperata.