venerdì 4 gennaio 2013

Sindrome da accoglienza



Aeroporto di Venezia, ore undici della sera. Dopo una settimana di assenza, il gaglioffo sta per varcare la soglia del terminal Arrivi.
Mpc, in preda a un attacco di  affettività incontrollabile, fatica a tenere a bada le emozioni: impedire a se stessa di correre incontro al cucciolo e fargli mille coccole è un’impresa titanica.
“Vale…” mi richiama la voce di Jurassico,battendomi leggermente su una spalla: “Guarda chi arriva!”
Smetto di fissare con bramosia il cucciolo di cane lupo che ha polarizzato la mia attenzione e mi volto. La belva sta arrivando, trascinandosi dietro la sua valigia. 
So per certo che al suo interno ha celato due chili di pizzette: uno stuzzichino per il viaggio, riferisce Daniela, ancora sconvolta per le quantità di cibo che quei due riescono a ingurgitare, quando sono assieme.
“Bella, ma’! Bella, ‘pa’!” ci saluta il nostro, dinoccolato e disinvolto.
L’individuo si è romanizzato. E suo malgrado è tornato.
Ehhhh, già. Le vacanze sono finite. Le mie, non le sue!
Inizia un altro, lunghissimo anno insieme…